1. Maria
  2. Domande e risposte
  3. Lunedì 05 agosto 2019, 12:38
  4.  Iscriviti via e-mail
Ciao, Artem Yurievich.
Da 4 anni le mie gambe (polpacci) si gonfiano, aumentano di volume, diventano pesanti; precisamente la sera. Se almeno qualche volta si muovono e cambiano la posizione del corpo in uno stato seduto durante il giorno, l'edema è più debole; ma possono iniziare a rompere il caviale se vado subito dopo il lavoro. Ho visitato un flebologo 2 anni fa, ha detto che "la condizione delle vene è buona", ha consigliato di condurre uno stile di vita più attivo (lavoro d'ufficio sedentario - sono un contabile). Sei mesi fa sono iniziati i principali problemi con le emorroidi; di conseguenza, è stato rimosso un coagulo di sangue venoso (secondo il medico). Ora una seconda esacerbazione è andata con il quinto punto, anche se generalmente va tutto bene con il bagno. Non ci sono risultati tangibili da Venarus o Detralex (non aiutano realmente né le gambe né il quinto punto). Dal lato paterno, mia nonna aveva le vene varicose e la cosiddetta "elefantiasi" degli arti inferiori (per me va tutto bene), mia madre ha grossi problemi con il quinto punto. Dimmi, queste cose possono in qualche modo essere correlate e cosa consiglieresti nel mio caso?
Altezza - 165 cm, peso - 53 kg; non sposati, niente vita intima regolare, niente figli.

Grazie in anticipo
commento
Non ci sono ancora commenti.
Semenov Artem Yurievich Risposta accettata
0
voti
Buona giornata! I problemi delle vene degli arti inferiori e delle emorroidi sono spesso combinati. Ci sono due ragioni principali per questo:
• È presente una debolezza congenita, geneticamente determinata, della parete venosa. I seni emorroidali sono un tipo di rete venosa.
• Uno stile di vita sedentario, con predominanza di una posizione statica prolungata, è un ottimo terreno per lo sviluppo sia della patologia venosa degli arti inferiori che delle emorroidi.
Per quanto riguarda le emorroidi, è necessario essere monitorati da un buon proctologo, seguire una dieta che deve includere una quantità sufficiente di fibre, restrizione di cibi grassi e piccanti.
È piuttosto difficile valutare adeguatamente le condizioni delle vene degli arti inferiori in base alla tua descrizione. Credimi, le ipotesi che vengono richieste per parlare la lingua sono ingrate e poco utili, principalmente per te. Se la consultazione con un flebologo è di circa due anni, allora c'è una probabilità significativa che molti, compresi i cambiamenti fondamentali nelle vene per le tattiche mediche, siano già avvenuti.
Nel tuo caso, consiglierei:
1) Eseguire un esame ecografico di alta qualità delle vene degli arti inferiori con il consiglio di un flebologo competente (la maggior parte dei flebologi praticanti esegue l'ecografia da soli). Gli specialisti del nostro centro comprendono specificamente non solo la patologia venosa, ma anche patologie correlate, linfedema (l'elefantiasi è la sua manifestazione estrema), lipidema e altri. Per una consultazione nel nostro centro, puoi fissare un appuntamento telefonicamente all'orario a te conveniente: +7 (495) 641-62-70.
2) Acquistare calze a compressione di alta qualità della 2a classe di compressione (23-32 mm Hg) nel salone specializzato appropriato e utilizzarle al lavoro. Nel tuo caso sono adatti sia le calze che i gambaletti. Questa misura migliorerà il funzionamento del sistema venoso durante la giornata lavorativa. Non aspettarti l'effetto di maglieria molto economica. Pertanto, non consiglio di acquistarlo in una normale farmacia.
3) Aumentare gradualmente l'attività fisica sulle gambe. La cosa più semplice è camminare a passo accelerato. Probabilmente, le passeggiate in calze a compressione saranno inizialmente più comode e ottimali per te. Ci tengo a precisare che i nostri piedi hanno un loro "cuore". È un complesso di vene e muscoli della parte inferiore della gamba chiamato pompa venoso-muscolare (pompa del polpaccio). Quando questa struttura è inattiva, non c'è un adeguato deflusso di sangue. In altre parole, la pompa muscolo-venosa della parte inferiore della gamba deve funzionare e non atrofizzarsi per inerzia. Il lavoro sedentario prolungato, la mancanza di movimento è un percorso diretto a problemi con le vene n / a e inoltre aumenteranno solo progressivamente.
Un regime motorio adeguato avrà un effetto positivo non solo sul sistema venoso degli arti inferiori, ma anche sul problema delle emorroidi.
commento
Non ci sono ancora commenti.
  • Pagina :
  • 1


Non ci sono ancora risposte in questa discussione.