"È possibile sciogliere un trombo con le compresse?", Colloquio in linea con discussione interattiva, 08.06.2020.

L'8 giugno si è tenuto un simposio online sul tema: "È possibile sciogliere un coagulo di sangue con le compresse?"

Partecipanti alla conferenza "Si può sciogliere un trombo con le compresse?"

Partecipanti alla conferenza "Si può sciogliere un trombo con le compresse?"

 

L'evento è stato moderato da un flebologo, professore, Konstantin Vitalievich Mazayshvili (Surgut), il colloquio è stato moderato da un flebologo, candidato di scienze mediche, Sergei Mikhailovich Markin (San Pietroburgo). I messaggi sono stati presentati da: chirurgo, flebologo, professore Arshak Vardanovich Vardanyan (Mosca), chirurgo, Evgeny Borisovich Elshin (Samara).

Arshak Vardanovich Vardanyan, chirurgo, flebologo, professore del dipartimento di chirurgia dell'Accademia medica russa di scienza e tecnologia, ha inviato un messaggio online: "Sindrome di Paget-Schrötter: uno sguardo moderno a un vecchio problema".

"Sindrome di Paget-Schrötter: una visione moderna di un vecchio problema" - rapporto del professor A. Vardanyan

"Sindrome di Paget-Schrötter: una visione moderna di un vecchio problema" - rapporto del professor A. Vardanyan

Arshak Vardanovich ha rivelato aspetti dell'approccio a una malattia piuttosto rara, la sindrome di Paget-Schrötter. Sono state delineate le sfumature della diagnosi moderna e del trattamento di questa malattia. Nella seconda parte del messaggio, il dottor Vardanyan si è rivolto alle prospettive di tattiche domestiche e globali per il trattamento della trombosi. In questo contesto, Arshak Vardanovich ha presentato il farmaco Trombovazim con il principio attivo subtilisina. Un enzima appartenente alla classe delle serina proteasi è prodotto da B. subtilis (bacillo di fieno). Questo farmaco è considerato un metodo promettente per il trattamento della trombosi venosa profonda. Nel contesto del post, si è fatto riferimento ai vincitori del Premio Nobel 2018 per la chimica: Francis H. Arnold, George P. Smith e Gregory P. Winter. Questi ricercatori degli Stati Uniti hanno ricevuto un premio dalla Royal Swedish Academy of Sciences per il loro lavoro Evoluzione guidata degli enzimi e visualizzazione dei fagi di peptidi e anticorpi. Questi risultati degli scienziati americani aprono senza dubbio una nuova pietra miliare nella moderna bioingegneria e farmacologia. Ma come la subtilisina, come parte del farmaco Trombovazim, si colleghi a questi studi, non è del tutto chiaro dal messaggio. Oserei suggerire che la tecnologia dell'evoluzione diretta degli enzimi sia coinvolta nella produzione della molecola della sostanza attiva. Un altro metodo innovativo utilizzato nella creazione del farmaco Trombovazim è la tecnologia AXIS. Questa tecnologia si basa sull'idea di formare legami di proteasi con una molecola di ossido di polietilene neutro. Questo viene fatto utilizzando un flusso diretto di elettroni accelerati. Pertanto, si ottiene l'immobilizzazione delle molecole attive per il rilascio attraverso il tratto gastrointestinale al flusso sanguigno. Di conseguenza, la biodisponibilità del farmaco (subtilisina) è di circa il 16-18%, secondo le istruzioni ufficiali.

In termini di applicazione pratica, il dottor Vardanyan ha presentato dati sull'uso del farmaco Trombovazim da parte di specialisti russi. Oltre alla trombosi venosa profonda, inaspettatamente, il farmaco ha mostrato buoni risultati nel combattere i sintomi dell'insufficienza venosa cronica, comprese le ulcere trofiche. Cioè, il principio attivo, dichiarato come trombolitico, è efficace in CVI? Puoi tornare su questo punto più tardi.

Il seguente messaggio è stato presentato da Evgeny Borisovich Elshin, chirurgo, (Samara) sull'argomento: "Metodi di ricanalizzazione della trombosi venosa profonda acuta degli arti inferiori".

"Modi di ricanalizzazione della trombosi venosa profonda acuta degli arti inferiori" - rapporto di E.B. Elshina.

"Modi di ricanalizzazione della trombosi venosa profonda acuta degli arti inferiori" - rapporto di E.B. Elshina.

Evgeny Borisovich ha presentato i risultati del proprio studio clinico sul trattamento della trombosi venosa acuta in 122 pazienti (per un periodo di follow-up di 6 mesi). In 76 di loro è stata utilizzata la terapia standard per la trombosi venosa con Rivaroxaban, 46 pazienti, oltre alla terapia standard, hanno ricevuto Trombovazim alla dose di 800 unità 2 volte al giorno per 3 settimane. Nel gruppo principale, sono stati ottenuti indicatori significativamente migliori di ricanalizzazione della vena trombizzata. C'erano ancora domande sulla metodologia per determinare la ricanalizzazione "debole", "media" e "buona", ma in generale, i risultati dello studio del Dr. Elshin erano comprensibili.

In generale, non senza una grande, molto grande, quota di scetticismo, personalmente ero interessato al farmaco Trombovazim.

Qual è la linea di fondo? Se Thrombovazim è davvero un farmaco efficace per la trombolisi orale, allora si tratta di una svolta incondizionata nell'industria farmaceutica. Cosa c'è, una svolta nell'industria farmaceutica russa. Sembra strano nella realtà moderna, ma comunque. Dopotutto, è molto più facile pubblicizzare e dimostrare cose ovvie o non ovvie, il che è molto peggio. E proprio in questo momento, lontano, oltreoceano, qualcuno sta facendo la storia oggi. La moderna industria farmaceutica russa ... In qualche modo involontariamente il viso comincia a sfocarsi in un sorriso triste, una serie associativa di generici, "sostituzione delle importazioni" e, stranamente, "Comedy Club" appaiono nella mia mente. Forse vale ancora la pena copiare non solo idee e tecnologie, ma anche mezzi e metodi per generare queste stesse tecnologie, e le idee non farebbero male ...

L'idea della trombolisi orale è innegabilmente brillante. Ma la base di prove, basata essenzialmente su osservazioni cliniche individuali, non resiste alle critiche.

E, soprattutto, perché il produttore di un farmaco, investendo notevoli risorse finanziarie nella pubblicità del prodotto, non si preoccupa di condurre buoni studi clinici? E la produzione di una linea di additivi biologici non aggiunge credibilità né al farmaco né al centro di farmacologia.

È in considerazione della modesta base di evidenza che le indicazioni per l'uso di questo farmaco (Trombovazim) nelle istruzioni ufficiali sono formulate come segue: può essere utilizzato come coadiuvante nella terapia complessa dell'insufficienza venosa cronica. Probabilmente, da qui la terapia con Thrombovazim CVI, ulcere trofiche. La tenda.

Certamente è necessario discutere del farmaco, ma ovviamente è troppo presto per metterlo in servizio. Aspettiamo un trial randomizzato di buona qualità, se esiste.